Il programma si pone l’obiettivo di rafforzare l’apparato amministrativo di ventiquattro municipalit

Cooperazione internazionale: al via oggi a Tunisi il progetto Anci di formazione per funzionari municipali in Libia. Tra i relatori anche il Vicesindaco Gloria Lisi

25 Gennaio 2021
Da questa mattina e fino al 28 gennaio si svolgerà, a Tunisi, il primo incontro tra sindaci e dirigenti comunali italiani e di tutta la Libia nell’ambito del programma di cooperazione Capacity Development of Libyan Central and Local Authorities for Improved Service Delivery. All’inaugurazione di questa mattina era presente anche la Vicesindaco di Rimini, Gloria Lisi, in veste di coordinatrice nazionale del Tavolo sulla cooperazione internazionale avviato con il Programma Municipi senza frontiere di Anci.
  • Anci Tunisi
  • Anci Tunisi
  • Anci Tunisi

Il programma si pone l’obiettivo di rafforzare l’apparato amministrativo di ventiquattro municipalità di tutta la Libia per migliorare l’erogazione dei servizi di base per tutti i cittadini, favorire il dialogo e la collaborazione tra amministrazioni e comunità locali libiche e italiane e condividere l’esperienza dell’associazionismo di Anci. L’iniziativa è finanziata e patrocinata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed eseguita dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics) insieme all’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci), in stretto coordinamento con il ministero del Governo locale (Molg) e la Commissione centrale per le elezioni municipali (Ccme) libici.

“Il Comune – ricorda Gloria Lisi, Vicesindaco del Comune di Rimini - è la prima porta alla quale bussano i cittadini. Incontri come questo rappresentano momenti fondamentali di crescita e di scambio reciproco, sapendo valorizzare le differenze e le peculiarità di ognuno per migliorare la vita delle comunità che serviamo come amministratori. Il fatto che anche Rimini sia chiamata a portare la propria esperienza in sede internazionale certifica la bontà di alcuni progetti intrapresi, dandoci l’occasione di crescere ulteriormente grazie al livello degli interventi e degli ospiti che interverranno negli incontri”.